Audio, Controversie, Multimedia lab, Nuove fonti, Nuove iniziative

“Lo sciopero di Wikipedia? Un’azione efficace”

CON UN’INTERVISTA A ELVIRA BERLINGIERI

di Enrico Bergianti

Elvira Berlingieri

Sono ancora proposte di legge in discussione negli Stati Uniti, ma SOPA (Stop Online Piracy Act) e PIPA (Protect IP Act) hanno già un nutrito gruppo di oppositori. Le due proposte, in discussione rispettivamente alla Camera dei Rappresentanti e al Congresso, hanno avuto sostegno bipartisan fra i politici statunitensi, ma all’opposto uniscono molte realtà del web nella protesta. Fra questi ci sono colossi quali Google, Mozilla, Yahoo! e Wikimedia Foundation, che gestisce il progetto di enciclopedia partecipativa più famosa del mondo: Wikipedia. Ed è proprio Wikipedia che si è fatta portavoce di un’azione per protestare contro SOPA e PIPA. Il 18 gennaio scorso infatti Wikipedia in lingua inglese è rimasta oscurata per ventiquattro ore: un vero e proprio sciopero. Non è la prima volta: il 4 ottobre 2011 anche la versione in lingua italiana di Wikipedia aveva indetto una protesta analoga, rimanendo oscurata per due giorni per contestare il comma 29 del disegno di legge sulle intercettazioni, in quei giorni in discussione alla Camera dei Deputati. Una forma di protesta che ha suscitato enorme clamore, ottenendo una grande risonanza sui media e sui social network.

La versione inglese quindi segue le orme di quella italiana. Nel mirino SOPA e PIPA, ma perché? Le due proposte di legge prevedono un filtraggio dei siti che contengono materiale soggetto a diritto d’autore, impedendo così l’accesso al sito. Ma così facendo si colpirebbe non l’autore materiale del reato di violazione del copyright, bensì l’intero sito che ospita il contenuto incriminato. Wikipedia è un progetto partecipato con un elevato numero di utenti che continuamente producono materiale. Potrebbe quindi facilmente violare le rigide norme imposte da SOPA, nonostante i suoi tentativi e meccanismi che, comunque, puntano a tutelare il diritto d’autore fra le proprie voci.

“SOPA e PIPA mancano di proporzionalità: dobbiamo accettare che ci sono moltissimi contenuti illegali sulla stragrande maggioranza dei siti: fosse anche solo un font, o una mancata attribuzione di una fonte. SOPA e PIPA attribuiscono un enorme potere, in grado nei fatti di filtrare qualsiasi cosa sul web”. A parlare è Elvira Berlingieri, giurista ed esperta diritto d’autore e proprietà intellettuale. Berlingieri, autrice del libro Legge 2.0. Il web tra legislazione e giurisprudenza (Apogeo, 2008) ha rilasciato a Jekyll un’intervista sulla protesta di Wikipedia, giudicandola positivamente poiché molto efficace nell’imporsi direttamente nel dibattito politico. Elvira Berlingieri ci ha anche parlato di come Wikipedia sia molto attenta al diritto d’autore. Infine, ha proposto una riflessione più generale sulla proprietà intellettuale e il web. Ascoltiamola:

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

I commenti sono disabilitati