Conflitto d'interesse, Nuove fonti, Nuove iniziative

Nature e i blog… Una storia complicata

di Marina D’Alessandro

I parametri per giudicare un blog

“Credo che abbia informazioni sufficienti per il suo blog”. Con questa frase, Ed Yong, famoso giornalista e blogger britannico, era stato liquidato a Febbraio da un addetto stampa dell’Università di Manchester, a cui aveva chiesto informazioni più approfondite su un articolo scientifico.

“Non permettiamo ai blogger di accedere al materiale sotto embargo”. Altro secco rifiuto sempre rivolto ad un blogger, Martin Robbins, questa volta da Nature.

Ricercatore e scrittore di scienza, Robbins è autore di uno dei blog pubblicati sul sito del quotidiano The Guardian: The lay scientist . Il rifiuto iniziale lo ha stupito, dato che poco tempo prima aveva scritto per la rivista. Ha raccontato la sua esperienza sul blog Embargo watch.

“Il blog ha uno scopo diverso dal giornalismo e in questo campo molti blogger sono anche scienziati. Sarebbe un conflitto di interessi svelare ciò che i loro colleghi stanno pubblicando sotto embargo”.

Questo post riaccende la polemica sulla considerazione dei bloggers e soprattutto riporta in luce il problema del valore dell’embargo nell’Era di Internet.

Robbins alla fine è riuscito ad essere inserito nella mailing list dei giornalisti accreditati per l’embargo ma solo a condizione che un editor del Guardian garantisse per lui.

Nature si approccia alla blogosfera con una serie di segnali confusi, come se si trovasse impacciato ad un primo appuntamento.”

L’autore analizza l’atteggiamento della rivista scientifica, senza negare che alcune ragioni possano essere valide, notando però come la diffidenza verso i blogger sia prevalente nella comunità scientifica, in particolare nel campo delle Public Relations.

It’s good to blog: così si intitolava un editoriale del 2009 di Nature in cui si dichiarava: “La nostra regola cardine è promuovere la comunicazione della scienza”.

Un dibattito scientifico aperto a tutti gli attori della rete, deve essere inevitabilmente favorito se si vuole rispettare questa regola.

I commenti sono disabilitati